Recupero termico integrato a generatore di calore per settore converting

L’abbattimento delle emissioni inquinanti sono il fulcro dell’intervento proposto al cliente. L’elevata concentrazione di questi inquinanti nei fumi uscenti dalla produzione però, insieme alla necessità di riscaldare l’olio diatermico con cui la macchina funziona, ha permesso di unire l’utile al dilettevole ovvero sfruttare al massimo la combustione degli inquinanti stessi per sostenere il funzionamento della macchina produttiva.

Vantaggi della tecnologia

  • Elevata efficienza di depurazione (98-99,5%)
  • Ridotti consumi di combustibile ausiliario, spesso necessari solo per le operazioni di avviamento
  • Ridotta produzione di inquinanti secondari (CO, NOx)
  • Massima riduzione o annullamento dei consumi di combustibile del generatore di calore
  • Funzionamento automatico, con facile diagnostica

Intervento e proposta

La rimozione dei COV presenti nelle emissioni derivanti da processi di essiccazione di film flessibili stampati/laccati/accoppiati tramite ossidazione termica consiste nell’innalzamento della temperatura delle emissioni (in accordo con i corretti parametri di tempo di resistenza e turbolenza) con lo scopo di permettere le seguente reazione di combustione:

COV + O2 + En. Attivazione —> CO2 + H2O + calore  

Grazie alla reazione di ossidazione possiamo ottenere un ulteriore innalzamento della temperatura, proporzionale alla concentrazione degli inquinanti in entrata e al loro potere calorico.

Tale apporto energetico può essere sfruttato non solo in sostituzione dell’energia di attivazione necessaria per l’avvenimento della reazione, ma anche per riscaldare i fluidi necessari per garantire i processi di essiccazione dei materiali stampati/laccati/accoppiati.

La soluzione di tipo rigenerativo consiste nel recuperare l’energia posseduta dai gas purificati in uscita dalla camera di combustione, attraverso l’utilizzo di masse ceramiche opportunamente attraversate dai gas da trattare. Consente inoltre il massimo rendimento di recupero termico.

Il calore in eccesso presente in camera di combustione viene veicolato ad un generatore di calore integrato all’impianto. Quest’ultimo è in grado di generare il calore necessario per il riscaldamento dei fluidi termici utilizzati nei processi di essiccazione non solo attraverso un apposito bruciatore, ma anche utilizzando i fumi caldi opportunamente prelevati dall’ossidatore termico.